domenica 30 settembre 2012

CUOCHI E FIAMME tarocchianamente parlando

mary valeriano make up tv
Qualche minuto con questa fantastica truccatrice e le mie occhiaie sono sparite! Fra le sopracciglia e gli occhi  mi ha creato bellissime sfumature… A lavoro finito confesso che mi sentivo un tantino Rihanna (Lo so, esagero, ma vi assicuro che questa donna sa come far sentire bella le altre donne), avevo un look fresco e alla moda.  Pronta per entrare in scena in una puntata di Cuochi e Fiamme, game show televisivo in cui due sciagurati sfidanti  preparano le proprie ricette in un tempo limitatissimo e sotto il giudizio di tre esperti  assaggiatori-giudici.
Quello che il trucco non nascondeva era il timore che mi irrigidiva come un stoccafisso. Sotto parananza di rito dello sponsor indossavo una gonna e una camicia che mi stavano benone e ai piedi sandali con i tacchi alti, tanto per non avere l’andatura storta che s’impossessa di me quando sono nervosa.
Chi mi segue sa già della mia partecipazione un paio di anni fa a Pomeriggio Cinque, ma di questo ho già sproloquiato abbastanza qui.
10-Fortune ruota della fortunaAllora… Torniamo a Cuochi e Fiamme. Il premio di questo game TV è un set di  attrezzi e pentole Creuset, che sembra una volta usati non si riesca più a farne a meno. Io che acquisto in ogni e dove i più disparati attrezzi da cucina, di questo marchio non ho ancora nulla, ma sia io che Daniele (il giovanissimo cuoco che avrebbe gareggiato con me), tesi come due baccalà, contavamo soprattutto di riuscire a preparare in modo adeguato e in tempo le ricette. Il nostro piano A e unico era dare il meglio di noi stessi, senza soppesare  il fatto di essere uno contro l’altra, con il focus  su noi stessi, per girare nella ruota della fortuna, arcano X, tenendo il passo senza cadere (Durante la puntata sono scivolata su dell’acqua che io stessa col mio focus fantozziano avevo sgocciolato a terra), per noi vittoria era uscire di li senza aver rovinato il nostro onore di cuochi professionisti.
Prima di arrivare li, per capire com’era la trasmissione, avevo passato diversi giorni  abbuffandomi di youtubate su C&F, col risultato che ho rischiato l’overdose e ogni giorno mi affezionavo di più ai personaggi che vedevo sullo schermo, più le guardavo e più  mi sorgevano in testa idee tarocchiane su di loro, per come li vedevo in video.
cuochi e fiamme la 7
Certo che conoscere le persone e frequentarle a volte non è abbastanza per dare un giudizio preciso, figuriamoci guardandoli in video! Ma tarrocchianamente parlando,  vi dirò cosa mi frulla per la testa:



02-Priestess la papessaFiammetta Fadda, la giornalista enogastronomica, terza assaggiatrice-giudice dei piatti, dal video per me somigliava all’arcano II, La Papessa, dotata di calma e ottima gestione dei silenzi. Prima di parlare appare impenetrabile, poi quando si esprime è palese la sua capacità di intesa mentale con l’universo cibo. L’avevo già incrociata ad un evento a Milano e ogni tanto leggo la sua rubrica su Panorama. Di lei mi ha colpito, sia sullo schermo che personalmente, l’eleganza che trascende al vestirsi, ma che è nei nei modi e nella espressione di se. Uno dei simboli della papessa è l’uovo che significa nascita, ma anche la solitudine che ci vuole per covarlo. Da vicino Fiammetta mi è sembrata ancora di più la Papessa. Persona con la quale credo che instaurare un scambio mentale sia un grande privilegio. Beati quelli che la hanno come amica.
08- la forzaChiara Macci, la food blogger,  prima assaggiatrice-giudice dei piatti. Dalle prime volte che l’ho vista in video mi sembrava l’arcano XI, la giustizia. Mi appariva pignola e saccente dei giusti nomi e i giusti modi di preparazione del cibo, ma puntata dopo puntata mi accorgevo che la sua era una saggezza femminile d’altri tempi. Sembrava avessi una riservatezza di spirito speciale e rara, d’inizio non sapevo a quale arcano paragonarla. Da vicino invece l’ho trovata molto in simbiosi con l’arcano VIII, la forza, che nell’iconografia rinascimentale appare come una donna incinta che con un leggero tocco delle mani, quasi una carezza, fa crollare una colonna (ricordare che la papessa è spesso rappresentata fra due colonne). E’ la carta della forza interiore, l’arcano più femminile fra tutti. La sua dolcezza non è debolezza, anzi è ipnotizzante cosi che anche per una belva feroce può arrendersi al toco delle sue mani. Di lei avevo scoperto il blog anno scorso quando sua sorella pubblicò un post sul molino Quaglia con il quale ho rapporti di lavoro e da allora ogni tanto leggo le Sorelle in Pentola.
16- Tower la torreRiccardo Rossi, l’attore comico, show-man e assaggiatore-giudice che si esprime per secondo. Da comico che è, potrebbe far pensare al giullare di corte,  rappresentato dall’arcano 0 Il Matto, invece a me era apparso da subito come l’arcano XVI, la torre, che con una saetta rompe i paradigmi creando il crollo liberatorio delle certezze e riportando tutto e tutti con i piedi per terra. I suoi giudizi appartengono alla filosofia del “parla come mangi”. Loda appassionatamente i piatti classici, cosi come appassionatamente demolisce le stranezze fusion che si azzardano a presentarsi dinanzi a lui sul piatto. Il messaggio della torre è comunque positivo: “Se crolla tutto, con i sassi si ricostruisci un castello” Lui fa crollare le pseudo certezze culinarie con frasi comiche che mettendo allegria ricordandoci che prendersi sul serio spesso è costruire castelli di pasta frolla, tanto a ricostruire il castello come si deve ci pensa Fiammetta, che esprime il suo giudizio appena dopo di lui.
Questi tre personaggi cosi diversi fra loro, compongono un interessante mix di commenti gastronomici a volte divergenti, ma sempre coerenti. La soma dei loro voti decreta il vincitore annunciato da Simone Rugiati, cuoco e comunicatore talentuoso che presiede il tutto.
rugiati_la7 il mago bagatto the magican
Per me Simone è l’arcano numero uno, il mago.  Il prestigiatore che in piedi davanti al proprio tavolo apparecchiato con i quattro elementi, gioca. Lui saccente artefice della propria fortuna,  intrattiene con simpatia il pubblico dall’altra parte dello schermo, fa da collante agli due sciagurati sfidanti intervistandogli e aiutando nella preparazione delle ricette, con brio presenta i piatti ai giudici coinvolgendoli nella interazione durante la trasmissione.
Quel giorno ho visto Chiara assaggiare ben tre e ripeto, ben tre forchettate un mio piatto. Riccardo dare voto massimo alle mie tagliatelle fusion. Fiammetta che a trasmissione finita chiacchierava con me smangiucchiando l’uovo da me preparato, mentre io la guardavo pensando “Solo La Papessa poteva apprezzare in questo modo l’uovo”! Simone che si affaccendava aiutandomi sotto il mio sguardo incerto, ma che va bene lo stesso, tanto lui è Il Mago e quando ti si avvicina con quell’aura  solare ti coinvolge… Ho conosciuto i mitico Dino de Bellis lo Hierofante, arcano V, che dietro alle quinte cura la spesa guida le sue assistenti nella mise en place delle pietanze preparate in trasmissione.
Le teste pensanti di autori e personale di produzione quasi tutto al femminile e giovanissime fanno succedere tutto questo… Alla fine della fiera, quello che più mi è rimasto impresso è la gentilezza e la cordialità che sia a telecamere accese, che spente alleggiava nello studio. Sono entrata tesa e sono uscita leggera. Felice.
Se volete sapere l’esito della sfida, le ricette e tutto il resto sintonizzatevi sul canale "La7d" Mercoledì 10 Ottobre alle 19:10 giorno in cui andrà in onda tutto questo.
La puntata è andata in onda. Aggiungo post scriptum qui sotto: 
Mary Valeriano Cuochi e Fiamme TV ricette

E per le ricette scritte passo a passo, si trovano qui

5 commenti:

Perline e bottoni ha detto...

In questo fiorire di trasmissioni culinarie, Fuochi e Fiamme è forse la più gradevole, Segno la data sul calendario!

silvia.moglie ha detto...

una delle poche trasmissioni di cucina che ancora mi fermo a guardare. sono curiosa di vederti all'opera, li avrai conquistati come hai conquistato me!

Mary Valeriano ha detto...

Grazie amiche blogueiras. Credo che il risultato sia quantomeno carino, e divertente da guardare.

Cristian Crociani ha detto...

E chi se lo perde?!

Anonimo ha detto...

Mary Valeriano,
sono brasiliana come tu e sono emozionata qui leggendo il tuo blog.
Ma ti scrivo specialmente per ringraziarti per il pane con lievito madre (sto preparando adesso con le tue ricette).
Complimenti bella.
Ti auguro gioia, amore, felicità e non ho dubbio che sarai sempre in raccolta di fortuna perché sei meravigliosa.
Un abbracio dal sud brasiliano - Porto Alegre.
Marisa